Sensazioni di stare in un gruppo di pari.

I libri non ci danno le competenze,ma infiniti esercizi. Non esercizio da la forza, ma infinite rialzate dopo le cadute. Errori non portano ai risultati, ma il loro analisi e correzione. Ma ogni volta, perfezionando, cambiamo la nostra personalità.

Perche non ho mai pensato di guardare la vita da quell punto di vista? Quell pensiero mi ha deformato la #matrix.

Mentore ti costringe vedere te stesso nudo. Guardarti nell’occhio e dire: ma perche?

Arrivare a 50, avere esperienza e conoscenza da vendere,e continuare stare nella immaginaria ruota del 🐹 criceto. Sembra che avessi la paura di fare un passo sbagliato. Ma va?. Proprio io? Che arrivata dalla Siberia e girato mezzo il mondo.

Corri per la strada della vita, da un campione al altro, cambiando i ruoli, cerchi capire cosa succede, e perché fa paura?

E perché non raggiungi quel obiettivo? Perché tu trovi 500 cause per non fare e sono 500 scuse.

E la paura, e solo quell momento, che a volte, sembra che dura una eternità, ma non e altro che una emozione che devi imparare a gestire.

Purtroppo devi accettare tante verità scomode, oppure puoi anche decidere a non agire e rimanere inerte per il resto dei tuoi giorni. Stupidamente sdraiatoin direzione del movimento, creando il vento attorno se stess, sventolando i giornali ingiallite, con un elenco dei propri meriti.

Ma quando accetti realtà delle cose, prendi tutte le tue responsabilita, scali ogni volta, impari tutto da capo.

Ca…sss… Realmente, non e per niente facile, neanche semplice, rompere e cambiare quei pattern, che determina la propria personalità. E come la Fenice, che deve bruciare se stessa, per poi rinascere.

A 50 anni passati, solo a pronunciare vengono i brividi.

Cosa diresti a te stessa a 30 anni

Cerchi mentore.

Forse valeva la pena a venire dalla Siberia in Italia per acquisire lo stato di consapevolezza? Chi lo sa?

La vita e un mistero, poco chiaro però.

Un pensiero su “Sensazioni di stare in un gruppo di pari.